MAMMA MAMMA: È TORNATO IL GELATIERE DI AMATRICE

Di Il Gelatiere di Amatrice

  • €2,890

    Raccolti su €45,000 di Traguardo

  • 47

    Sostenitori

  • 11

    Giorni Rimanenti

Condividi questa campagna

Aiuto ad aumentare la diffusione di questa campagna condividendo questo widget. Semplicemente incolla il seguente codice HTML in più posti possibili sul web.

Codice Integrato

<iframe src="https://www.woopfood.com/?ig_embed_widget=1&product_no=97" width="214" height="366" frameborder="0" scrolling="no" /></iframe>

Ora sono un Gelatiere senza gelato, ma credo di poter dare un nuovo sapore a tutta la mia vita. Il terremoto è vero...ha fermato la mia corsa e mi ha messo in ginocchio, ma non mi fermo.
- Sostieni la mia storia e partecipa a questa campagna crowdfunding -

MAMMA MAMMA:  È TORNATO IL GELATIERE DI AMATRICE

Essere freddi non significa necessariamente essere cattivi: i gelati sono buonissimi e sono i più amati dagli italiani. 

Cosa c'è di meglio di un cono per concludere in maniera rilassante e appagante una calda giornata estiva?

 daniele

> IL CUORE DI AMATRICE

Ci vediamo in piazza, andiamo in piazza, scendiamo in piazza…proprio nella piazza affluiscono pensieri e incontri, affari e promesse. Una piazza, forse una delle più belle d’Italia. Da sempre il centro della comunità. Questo era il cuore di Amatrice. Lo sentite ancora pulsare? Cuore che batte, vita che scorre. 

Una città d’arte e di buona cucina, famosa per il primo piatto a cui dà il nome e per le sue chiese ricche di arte e spiritualità.

torre

Ecco, vedete quella torre? Tutte le mattine mi dava il buongiorno e le notti mi augurava una dolce notte.     Là, proprio sotto quella Torre Civica, c’ero io… il Gelatiere di Amatrice, città dove ho sempre vissuto tranne nei 5 anni delle scuole superiori. 

Mi chiamo Daniele Mosca avevo appena 21 anni quando diedi una "svolta" nella mia vita: lo storico gelatiere mi propose di rilevare la sua attività impegnandosi a rivelarmi tutti i segreti del mestiere. Ero scettico, visto che era un mondo totalmente estraneo a me e alla mia famiglia.  Decisi di accettare quella sfida, anche grazie al sostegno di mia sorella e di mio cognato. 

Anno dopo anno, mi appassionai sempre di più a questo lavoro. Diventai quello che offriva il gelato a tutti quando c’era da provare un nuovo gusto. Ero quello che apriva a tutte le ore e sperimentava sempre nuove possibilità.

negozio

Nel frattempo, capii che era arrivato il momento di creare una famiglia e così, la mia compagna e io, decidemmo di provare ad avere un figlio e programmammo la data del nostro matrimonio.                      

Posso descriverlo come il periodo più bello della nostra vita. Durato poco, fin troppo poco.                       Quattro mesi e all’improvviso, in un attimo, tutto è cambiato. Il paese, la mia attività, i parenti, gli amici, i conoscenti, i clienti e la casa (anche se fortunatamente non ha subito gravi danni): tutto è andato perso per sempre.

terremoto

Ora sono un Gelatiere senza gelato: ho tanta voglia di tornare a produrlo, offrirlo e di mettermi alla prova. Sono convinto di poter esplorare ancora tante possibilità e di riuscire a inventare diversi gusti. Credo di poter dare un nuovo sapore a tutta la mia vita, a quella di mio figlio e della mia famiglia. Ho ancora molto da dire, da esprimere e da donare. Il terremoto è vero… ha fermato la mia corsa e mi ha messo in ginocchio ma ora sono di nuovo in piedi, pronto per ripartire.

> GELATO WORLD TOUR: SAPORE D’AMATRICE

gelati

La tradizione italiana nel settore del gelato è una delle più importanti al mondo e credo che lo sia grazie all’impegno di chi, come me piccolo artigiano del gelato, anno dopo anno: ha costruito, ha sperimentato,       ha creato, ha sudato, insomma, ha portato avanti con passione, dedizione e ingegno questo bellissimo mestiere che definirei un’arte.

conogelato

A marzo 2017 ho partecipato alle finali italiane del Gelato World Tour e sono risultato vincitore con il mio gelato a base di prodotti del mio territorio, quelli passati e quelli futuri che nascondono ancora mille potenzialità. Un gelato alla ricotta di pecora variegato con miele di castagno e noci.

saporedamatrice

Ecco vi presento Sapore d'Amatrice, così ho chiamato questo gusto.                                                                         A settembre mi contenderò il titolo di campione mondiale con altri 39 finalisti di culture diverse.

Come sapere se il gelato è puramente artigianale? Scopritelo qui

> UN NUOVO GUSTO ALLA MIA VITA

Ancora oggi, a distanza di 9 mesi, sembra solo il più terrificante dei sogni che un cervello umano possa elaborare e ogni mattina ci si sveglia sperando che sia solo un incubo. A un tratto, ho sentito la consapevolezza che la vita continua per noi che siamo rimasti. Basta un episodio per ritrovare la voglia di ricominciare... L'idea della Regione Lazio e del comune di Amatrice è di riunire tutte le attività amatriciane in due mercati coperti, ciascun edificio si sviluppa su 2 piani, distanti 100 metri l'uno dall'altro. 

Per quanto riguarda la gelateria artigianale (ma non solo) che predilige il passeggio è altamente penalizzante. Aspettare diventa impossibile, allora capisci che la soluzione migliore è lo street food.


Ho voglia di tornare a ricercare, scegliere e curare quotidianamente la qualità di un prodotto d’eccellenza. Da un’attenta analisi, ho trovato un modello di autonegozio che farebbe proprio al caso mio. Potrei muovermi per tutta l’estate nelle fiere e nei festival di tutta Italia, producendo il gelato con impegno e tanta passione. Riuscendo a offrire il meglio di me e della mia arte.

“Un autonegozio da piazzare su strada perché se la montagna non viene a Maometto, allora Maometto va alla montagna.

> PROGETTO

Qui entrate in gioco voi!

Dopo tutto l’amaro che il terremoto ci ha lasciato in bocca e nel cuore, devo trovare un nuovo gusto per la mia vita e perché no, anche per il mio gelato. Questa campagna di pre-ordine mi permetterà di ripartire alla scoperta del mio futuro e della mia più grande passione.  

A tutti i miei sostenitori, regalerò degli elementi che possano dare calore e speranza nella vita.

Dal primo all’ultimo centesimo che raccoglierò, grazie a voi, lo investirò in questo mio sogno.   

> PRODOTTI

Nel suo variegato percorso tra storia e geografia, il gelato ha davvero origini antichissime fino ad arrivare ai giorni nostri, subendo tantissime trasformazioni. E, ancora, continua a cambiare.

Tradizionale simbolo dell’estate, viene consumato in ogni stagione e in qualunque momento della giornata: il gelato mette d’accordo tutti, grazie a una grande varietà di gusti e formati. Questa buonissima golosità infatti può essere preparata in mille modi e gusti diversi, anche se la ricetta base è più o meno la stessa, ci regala la riscoperta dei sapori e del gusto.

Il mio prodotto finale è artigianale. Viene lavorato quotidianamente e cerca di utilizzare materie prime di qualità e a km 0: dal latte fresco e la panna, alle uova ma anche fragole, frutti di bosco, banana o frutta secca. Insomma ce n’è per tutti gusti. Nella mia gelateria riuscivo a produrre fino a 36 gusti differenti di gelato, oltre a diversi tipi di semifreddi.

Un gelato a regola d’arte deve saper bilanciare: sapore, dolcezza e cremosità, affinché le nostre papille gustative siano soddisfatte. Coppetta per chi è molto dotato di self control e cono per chi invece non resiste alle voglie.

noci

Le noci, elemento fondamentale, di uno dei gusti che realizzo utilizzando solo prodotti della mia terra, pertanto slowfood. Si tratta di un gelato alla ricotta di pecora variegato con miele di castagno e nociQuesto variegato presto sarà anche registrato a marchio de.co di Amatrice.

pompelmo

Un altro gusto di gelato del quale vado particolarmente fiero è il sorbetto al pompelmo rosa che produco utilizzando sia la polpa che il succo dello stesso frutto, lasciando il sorbetto molto corposo. Questo prodotto viene richiesto molto per cerimonie come i matrimoni e occasioni in cui consiglio di servirlo con aggiunta di prosecco nei calici.

zabaione

Il semifreddo allo zabaione: era un po’ il vanto della mia gelateria… Era un gusto che proponevo nel banco tra i vari gelati, anche se in fondo non è un vero e proprio gelato. La procedura di preparazione è complessa e lunga, se si pensa che dalla rottura del primo uovo al momento che può essere servito ci vogliono circa 3 giorni tra pastorizzazione e tempi di riposo vari. Inoltre, non essendo un gelato, la mantecazione non viene fatta in macchina ma in un grande pentolone d'acciaio, con l'aiuto di una schiumarola, rigorosamente a mano.

caffe

La granita di caffè era una specialità e sono sicuro che tornerà ad esserlo. La servivo nel bicchiere, esclusivamente con doppia panna non zuccherata, accompagnata da una cialda fragrante. La particolarità di questa granite è sempre l'artigianalità, infatti come per lo zabaione, una volta macinati i chicchi e prodotta la quantità necessaria con la moka, il caffè viene zuccherato, versato in una carapina d'acciaio e mescolato manualmente e costantemente. Alla fine viene riposto in congelatore fino al raggiungimento della consistenza desiderata, ne troppo liquida ne troppo solida. Dicesi bruciata: termine utilizzato quando la granita ghiaccia troppo e diventa bianca.

Rimpiango ogni singola critica  o complimento ricevuto. L’apprezzamento che mi ha fatto più piacere è stato sulla gestione stagionale della mia attività che non sempre viene colta dal cliente. Mi dissero:

"Noi veniamo spesso in questo piccolo borgo da villeggianti e la tua gelateria è  una nostra tappa fissa, a primavera, in estate o in autunno, di giorno o di notte, nei giorni festivi e nei lavorativi; la cosa più bella è che non abbiamo mai ricevuto una delusione, che dire, oggi chiuso oppure un gusto mancante o non ben conservato, dello sporco nel locale o un gesto di scortesia. Mai niente di tutto questo... complimenti per la gestione!”

> DICONO DI ME

TG LAZIO

AFFARIITALIANI.IT

GELATOWORLDTOUR.COM

GAMBERO ROSSO

DOLCE SALATO

REPUBBLICA BOLOGNA

WALL STREET JOURNAL (in uscita)

> CANZONI AL GUSTO DI…

Negli anni, con mille gusti e svariati colori, il gelato ci ha sempre accompagnato. Diventando, anche, protagonista di alcuni testi musicali che hanno fatto la storia della musica italiana. Assa… ops… ascoltateli tutti:

GELATO AL CIOCCIOLATO - PUPO - La storia del testo della canzone di Pupo è molto particolare È una metafora di un approccio amoroso reso difficile dalle condizioni dei due seducenti amanti.

UN GELATO AL LIMON – PAOLO CONTE - Lo sapevate che… questa canzone venne cantata anche da Francesco De Gregori e Lucio Dalla.

GELATI  - SKIANTOS

SE MI COMPRI UN GELATO – MINA MAZZINI - Se mi compri un gelato è il 62° singolo di Mina, pubblicato a fine maggio del 1964 su vinile a 45 giri dall'etichetta Ri-Fi

GELATO METROPOLITANO – ALBERTO CAMERINI - Gelato metropolitano è il secondo album di Alberto Camerini, prodotto da Ares Tavolazzi (ex bassista degli Area) e pubblicato nel 1977.

Scoprite qui le 111 canzoni con titoli commestibili

> RICOMPENSE

riconpense-gelatiere

 15€ GRAZIE, SOSTIENI LA RICOSTRUZIONE!

 25€ VIDEO RICETTA PERSONALIZZATA: Come usare gli ingredienti nel tuo frigo? Ci pensiamo noi! Per ringraziarti  del tuo sostegno riceverai in regalo una ricetta del tutto personalizzata. Non te ne pentirai, perché il risultato sarà ottimo.

 50€ MAGLIETTA: Vuoi fare un regalo speciale a una persona cara? Sostienimi e riceverai una maglietta “di valore”.

 100€ NOME IMPRESSO SUL… TRUCK: Ogni sostenitore avrà il proprio nome sul mio truck, questo perché grazie a voi potrò raggiungere il mio sogno.  In più avrete in regalo il video con una ricetta e la maglietta simbolo del supporto ricevuto.

 500€ OGNI VOLTA… : Alcune persone le incontri una volta per sempre, altre una volta ed è per sempre. Ogni volta che le nostre strade si incroceranno riceverai una coppetta di gelato con tutti i gusti che vorrai provare.

Aggiornamenti

Daniele Mosca, dall’8 al 10 settembre, approda alla finalissima mondiale di Gelato World Tour.

Originario di Amatrice, ha perso casa e negozio durante il terremoto e da sette mesi non preparava più gelato. Spera che questa finale sia un trampolino di lancio per ricominciare.

L'idea della Regione Lazio e del comune di Amatrice è di riunire tutte le attività amatriciane in due mercati coperti, ciascun edificio si sviluppa su 2 piani, distanti 100 metri l'uno dall'altro. Per quanto riguarda la gelateria artigianale (ma non solo) che predilige il passeggio è altamente penalizzante.

Per questo pensa che la soluzione vincente sia lo street food che gli darà la possibilità di girare tra i festival e le città italiane.

The Project FAQs

> Cosa si intende per street food?

Un vero modo di unire gli antichi sapori della nostra tradizione culinaria. Diciamo che la cucina on the road non è solo una semplice moda, ma si rivela una soluzione utile affinché le persone siano più vicine all’artigianalità del prodotto locale.

> Cos’è il Gelato World Tour?

Il Gelato World Tour è la prima competizione itinerante a livello internazionale per la ricerca del miglior gusto di gelato nel mondo ed è diretta dalla prestigiosa Carpigiani Gelato University e da Sigep – Italian Exhibition Group, la più importante fiera nel settore del gelato e del dolciario tradizionale.

Per scoprirne di più visitate il sito

> Qual è la mission del tour?

La  mission è diffondere nel mondo la cultura del gelato fresco, prodotto artigianale italiano fondato su una lunga ed illustre tradizione culinaria.

Lascia un commento

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER